Trenino dell'avisio
Comitato Valle di Cembra

Home

CONVEGNO CEMBRA 2011

CONVEGNO - Quale mobilità ferroviaria in trentino nel XXI secolo

Progetto storico

Convegno - Linea ferroviaria dell'avisio - Lavis 2013

News dal comitato

Video

Studio di fattibilità trenino dell'Avisio

DITE LA VOSTRA "Idee a confronto"

Dai giornali

Galleria delle immagini

Link preferiti

Elezioni Provinciali 2013

Negozio online

Home

 


Ipotesi di linea ferroviaria per il collegamento delle valli dell'Avisio

Il video dello studio di fattibilità per un tracciato feroviario nella valle dell'Avisio.

"Eppur si muove"

  Galileo Galilei 

Grazie a tutti coloro che, con  il loro impegno, condividono questo grande progetto.

Il comitato
Per non perdere il treno. 


60.000 VISITE, un traguardo importante!
A chi non condivtde e a chi condivide con noi questo grande progetto un sincero grazie per l'attenzione. Il comitato  "Pernonperdereiltreno"





 


                     
   
 News

  
28 maggio 2013
 

Facebook...
https://www.facebook.com/trenino.dellavisio?ref=tn_tnmn 
Ecco dove puoi trovarci in rete, per restare in contatto con noi, leggere i nostri articoli, partercipare alle discussioni, sostenerci e vedere i nostri video
.

 
 

Progetti come “la ferrovia nelle valli dell’avisio” non avranno seguito se non saranno condivisi dalla comunità.

Sensibilizzare ed informare le popolazioni  sarà quindi di assoluta priorità per dare un  futuro al progetto.

I siti del “trenino dell’avisio”  e di “transdolomites” sono nati per questo, basta un semplice click e un’informazione libera e qualificata, sul tema mobilità, sarà sempre a vostra disposizione. 

Presidente
Giuliano Pojer

Comitato - Per non perdere il treno

Associazione Transdolomites    www.transdolomites.eu

Presidente
Massimo Girardi
 

 

Trento 21/01/2013
Raccolta firme petizione popolare per la ferrovia nelle valli dell’Avisio.
 
Periodo: la raccolta firme iniziata nella primavera del 2010 si è conclusa ufficialmente nel novembre 2012.
 
Analisi: Nel periodo iniziale l’attività di raccolta delle adesioni si è svolta principalmente in occasione delle serate a tema organizzate da Transdolomites nelle varie località delle valli dell’avisio.
Successivamente l’azione si è estesa e si è intensificata con la presenza di info-point all’interno di varie manifestazioni e fiere presenti nelle valli e in alcune città capoluogo, come Trento alla fiera di motorissima, Bolzano in occasione di Klimamobiliy e Verona alla fiera del modellismo.
In tutte le occasioni comunque l’attività ha avuto ottimi riscontri sia in termini numerici come d’interesse, tanto che possiamo sicuramente affermare che le adesioni raccolte sono “adesioni informate”, in quanto per ogni firma raccolta sicuramente vi è stata una preventiva ed adeguata informazione sul tema ferrovia.
Purtroppo per mancanza di  tempo e spazio non si sono potute coinvolgere in maniera uniforme tutte le località, alcune ci hanno visto presenti più volte, altre meno, comunque tutte hanno risposto positivamente alla campagna di sottoscrizione.
In alcune occasioni abbiamo avuto delle ottime soddisfazioni, come ad esempio alla festa del “Raglio Palio” di Cembra del 2010, quando in sole 4 ore di apertura del gazebo abbiamo avuto in termini di sottoscrizioni un numero circa di 500, o quando sempre a Cembra alla mostra storica del “treno asburgico” nel 2011, nella 2 giorni d’apertura della manifestazione abbiamo avuto più di 400 adesioni, come altra grande gratificazione l’abbiamo avuta da Cavalese dove presso la cartolibreria “Spazzali” a fine campagna si sono contate più di 800 firme.
Certamente la presenza dei nostri attivisti all’interno di alcune comunità ha influito in termini positivi che ha visto alcune realtà sopravanzare alcune altre in termini numerici, come d’altronde  anche  la sensibilità dimostrata da alcune amministrazioni comunali o realtà associative maggiormente  sensibili al tema mobilità.
Da una attenta analisi se non ci soffermiamo solo sui numeri assoluti dove spiccano le realtà più popolose ma andiamo ad analizzare i dati in base ai residenti votanti, emergono comunità che più di altre hanno fatto “loro” l’idea della ferrovia.
Ultima analisi per le numerose sottoscrizioni avute fuori dal bacino d’utenza della ferrovia, dove le firme raccolte in ambito nazionale sono numerose e rappresentano il 30% del totale, segno di come  il tema mobilità non sia solo un problema “locale” ad uso e consumo dei residenti, ma che coinvolga invece una pluralità di soggetti.
Le persone che hanno sottoscritto questa petizione con la loro firma hanno delegato il comitato per la ferrovia a rappresentarle, cosa che noi sicuramente faremo e chiedono con questo maggior attenzione per progetti come questo che nascono sul territorio e per il territorio, sottrarsi al dialogo ed al confronto da parte dei politici non sarà più permesso, pena il fallimento della politica quella con la “P” maiuscola.
 
  Poier Giuliano
Presidente comitato “spontaneo per non perdere il treno”
  Valle di Cembra
 
    L' EDICOLA

I quotidiani a vostra disposizione




L'informazione è il termometro che misura la libertà, l'uomo il dottore.  


 

LA TELEVISIONE



GRAZIE  DELLA VISITA
Il comitato  Pernonperdereiltreno



L’informazione libera e non strumentale circa la mobilità sostenibile è il principale motivo della costruzione di questo sito. La pubblicazione di documenti, dal progetto storico al più moderno studio di fattibilità, la pluralità di interventi di esperti ed autorevoli studiosi nel campo della mobilità e le interviste “live” pensiamo abbiano reso piacevole la navigazione all’interno di questo nostro sito. I dati ci stanno dando ragione, più di 8000 persone ci hanno fatto visita negli ultimi 7 mesi e questo ci conforta e ci sprona ad andare avanti nella nostra principale attività e motivo per cui è nato il comitato e cioè la sensibilizzazione delle nostre comunità attorno al tema mobilità. La crescita della nostra società, avverrà solo attraverso una partecipazione attiva dei singoli cittadini alla cosa comune e per far questo prima di tutto bisogna informare, perché è nostro assoluto convincimento che: “un cittadino informato sceglie, per un cittadino poco o per nulla informato scelgono gli altri”.
 
Grazie a tutti..
 
Giuliano, Luciano, Renato, Herman, Renata, Paolo, Mauro, Piergiorgio e Gianni.

 
   
 
 





 





 


HomeCONVEGNO CEMBRA 2011CONVEGNO - Quale mobilità ferroviaria in trentino nel XXI secoloProgetto storicoConvegno - Linea ferroviaria dell'avisio - Lavis 2013News dal comitatoVideo Studio di fattibilità trenino dell'AvisioDITE LA VOSTRA "Idee a confronto"Dai giornaliGalleria delle immaginiLink preferitiElezioni Provinciali 2013Negozio online